I conti della serva

Extra Cashback di Natale, non è tutto cash quello che fruscia.

Basti pensare che il primo semestre ordinario dei tre programmati, che partirà a gennaio 2021, prevede per ottenere il rimborso del 10% almeno 50 pagamenti nel periodo, quindi mediamente 8-9 al mese contro i 10 in 24 giorni previsti per il mese di dicembre.

Per chi poi pensasse di ottenere la restituzione di 150 euro acquistando un nuovo PC da 1.500 euro e 9 caffè se lo scordi, ogni transazione da diritto al rimborso massimo di 15 euro.

Aggiungiamoci anche che i costi di commissione per i pagamenti bancomat sono stati temporaneamente sospesi da parte di alcune banche per quanto riguarda i piccoli importi, ma permangono per quelli maggiori e potrebbero essere reintrodotti in futuro.

Infine qualche domanda, questo sistema non potrebbe favorire nel tempo l’aumento dei prezzi nell’ordine del 10%?

E ancora, sarà utile per combattere l’evasione, o a fronte di un rimborso del 10%  – per un massimo di 15 euro sulla transazione – resterà “più conveniente” pagare in contanti e senza fattura, “risparmiando l’IVA” e magari anche qualcosina in più?

BLB